Cura

La cura consiste nell’asportazione del cristallino opacizzato. Se la diagnosi è precoce l’intervento solitamente dev’essere compiuto entro il terzo mese di vita. Segue un periodo durante il quale il bimbo porterà occhiali da vista o una lente a contatto particolare nell’occhio colpito dalla patologia, con gradazioni prescritte dall’oculista. A seconda della maggiore o minore densità dell’opacizzazione e della struttura alla quale ci siamo affidati può esservi un secondo intervento per l’impianto del cristallino artificiale, solitamente entro il secondo anno di vita (ma c’è chi ritiene di poter procedere anche più tardi, ad esempio compiuti i cinque anni).